Company name: Dynamic Solutions s.r.l.
Address: VIA USODIMARE 3 - 37138 - VERONA (VR) - Italy

E-Mail: [email protected]

Forum economico di San Pietroburgo: accordi per oltre 70 miliardi di dollari

Scopri come il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo ha visto la firma di accordi per oltre 70 miliardi di dollari, con un focus sul multipolarismo e il ruolo dei BRICS+.
  • Conclusi accordi per un valore complessivo di 6 trilioni di rubli (oltre 70 miliardi di dollari).
  • Il PIL della Russia ha registrato una crescita del 3,6% nel 2023, con aspettative di crescita del 3,2% per il 2024.
  • Nel settore dell'istruzione, sono stati destinati 0,9235 miliardi di euro con un utilizzo dell'81,7% dei fondi disponibili nei primi quattro mesi dell'anno.

Il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, conclusosi recentemente, ha visto la partecipazione di circa 18 mila visitatori, tra cui rappresentanti di grandi aziende russe, istituti di credito e enti istituzionali. Secondo Anton Kobyakov, segretario del comitato organizzatore del forum e consigliere presidenziale, sono stati conclusi accordi per un valore complessivo che supera i 6 trilioni di rubli (oltre 70 miliardi di dollari). Tra i partecipanti, colossi come Gazprom, Alfabank, Sberbank, Rosatom, Lukoil e Rosneft hanno avuto un ruolo centrale.

Durante i lavori del forum, è stata attribuita grande importanza ai temi legati al multipolarismo e al ruolo globale dei BRICS+, con la Russia che presiede la coalizione e si prepara ad ospitarne il vertice a Kazan il prossimo autunno. La partecipazione dell’ex presidente brasiliana Dilma Rousseff, ora presidente della Banca dei BRICS+, ha sottolineato l’importanza della creazione di un sistema di pagamento alternativo al dollaro e all’euro, con l’obiettivo di privilegiare gli scambi nelle valute nazionali come rubli, yuan e rupie.

La Resilienza Economica della Russia

Nonostante le sanzioni internazionali e il contesto politico interno complesso, l’economia russa ha dimostrato una sorprendente capacità di adattamento. Nel 2023, il PIL della Russia ha registrato una crescita del 3,6%, e per il 2024, il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al rialzo le aspettative di crescita del PIL russo a +3,2%. Tuttavia, il prezzo di questa resilienza economica è stato altissimo, con un aumento degli investimenti militari che ha eroso i settori dell’istruzione e della sanità, generando malcontento sociale e minacciando la stabilità interna.

Secondo i dati del 2024 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la Russia registra un tasso di suicidi di circa 25,1 per 100.000 abitanti, riflettendo un deterioramento della qualità della vita e una crescente instabilità interna. Nel campo dell’istruzione, sono stati destinati 0,9235 miliardi di euro, con un utilizzo dell’81,7% dei fondi disponibili nei primi quattro mesi dell’anno. Nel settore della sanità, sono stati assegnati 4,059 miliardi di euro, con un impiego del 59,1% nello stesso periodo.

Le Sfide del Settore Energetico e delle Risorse Naturali

Nel 2024, l’economia russa rimane vulnerabile alle fluttuazioni dei prezzi globali dell’energia e alle nuove sanzioni. Il 14esimo pacchetto di sanzioni contro la Russia, approvato dal Consiglio dell’Unione Europea a Lussemburgo, introduce nuove misure contro il gas naturale liquefatto russo e le navi che sostengono la guerra in Ucraina, includendo restrizioni per le petroliere della “flotta ombra” che violano i limiti della UE Price Cap Coalition.

Nonostante queste sfide, l’indice Moscow Exchange (MOEX) ha superato i livelli prebellici, sostenuto da investitori domestici e alleati. Il mercato delle Initial Public Offering (IPO) russe ha rinnovato vigore, con l’impegno dell’economia russa a livello globale. Tuttavia, la Russia rimane fortemente dipendente dalle esportazioni di petrolio e gas, che costituiscono una parte significativa del PIL e delle entrate statali.

Nel primo trimestre del 2024, le esportazioni di beni sono aumentate a 36 miliardi di euro, con una crescita del 30% rispetto al mese precedente, nonostante un calo annuale del 3,2%. Tuttavia, l’incertezza politica ed economica ha frenato gli investimenti esteri e limitato la crescita interna. Nel settore delle costruzioni, i tassi di crescita hanno subito un rallentamento, e la produzione di prodotti petroliferi ha registrato una significativa diminuzione a marzo 2024.

Bullet Executive Summary

In conclusione, l’economia russa ha dimostrato una notevole resilienza di fronte alle sanzioni internazionali e alle sfide interne. Tuttavia, questa resilienza ha avuto un costo elevato, con un aumento degli investimenti militari a scapito dei settori dell’istruzione e della sanità. La Russia rimane vulnerabile alle fluttuazioni dei prezzi globali dell’energia e alle nuove sanzioni, e il governo dovrà affrontare sfide profonde per mantenere la stabilità sociale e promuovere la crescita economica.

Nozione base: La difesa dei consumatori è fondamentale in un contesto di economia circolare, in cui le risorse vengono riutilizzate e riciclate per ridurre gli sprechi e promuovere la sostenibilità. In questo scenario, i consumatori devono essere consapevoli delle loro scelte e del loro impatto sull’ambiente.

Nozione avanzata: I consumatori connessi hanno un ruolo cruciale nel monitorare e influenzare le pratiche aziendali attraverso l’uso delle tecnologie digitali. La trasparenza e la responsabilità delle aziende sono essenziali per garantire che le risorse vengano utilizzate in modo sostenibile e che i diritti dei consumatori siano tutelati.


Articolo e immagini generati dall’AI, senza interventi da parte dell’essere umano. Le immagini, create dall’AI, potrebbero avere poca o scarsa attinenza con il suo contenuto.(scopri di più)

4 commenti

  1. Devi vedere il quadro generale. Le loro mosse nel settore energetico mostrano una strategia chiara per sganciarsi dal dominio economico occidentale. Non è facile, ma potrebbero avere un vantaggio a lungo termine.

  2. Imparare cosa? Come distruggere l’istruzione e la sanità per finanziare le guerre? Mi sembra un esempio pessimo da seguire.

  3. Beh, dai, è comunque impressionante come riescano a sopravvivere e persino a crescere sotto le sanzioni. Forse dovremmo imparare qualcosa da loro.

  4. Non posso credere che la Russia continui a far accordi economici così grandi mentre ignora i problemi interni. Questi numeri sono solo un’altra propaganda per coprire le loro mancanze.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *